Vi invitiamo ad esplorare liberamente il nostro sito e ad esaminare senza pregiudizi il messaggio che vi proponiamo. E' lo stesso messaggio eterno di cui parla la Bibbia quando dice:

"...poi vidi un altro angelo che volava in mezzo al cielo e che aveva l'evangelo eterno da annunziare agli abitanti della terra e ad ogni, nazione tribù, lingua e popolo" (Apocalisse 14:6).



A noi la confusione di faccia

Dn. 9:5-8

Quando il profeta Daniele si trovava in cattività a Babilonia, studiando le scritture, scoprì la profezia di Geremia riguardo i 70'anni di cattività e comprese che a causare quel disastro fu il peccato del popolo. Perciò, si dispose alla preghiera, e con umiliazione e digiuno, lo confessò al Signore : "A te la giustizia , a noi la confusione della faccia".

Cosa significa ?

Daniele, considerando la disfatta, l'umiliazione e la schiavitù di tutto Israele, fa una valutazione: “per Te, o Dio, questa è una gloria, perché hai dimostrato di avere l'autorità, la potenza e il dominio su tutto” ; per noi, invece, questa cattività, costituisce la confusione della nostra faccia, la vergogna, la dimostrazione di quanto siamo insensati e indegni !

Che bello sarebbe se anche noi, quando cadiamo nelle nostre grandi o piccole cattività, gettati nella confusione, nella vergogna, fossimo tanto sensibili da riconoscere il nostro peccato !..

"Confusione" significa : sia mescolanze, che disordine.

L’etimologia viene da "Confondere", cioè : versare insieme, mescolare i colori; arriva fino al senso morale della vergogna, del rossore, nel senso di essere confuso, umiliato, mortificato. Ma anche: di non capirci più niente nel disordine che c'è. Daniele lo dice in senso di paragone: il Tuo ordine e la Tua giustizia, sono talmente al di sopra di noi che comprendiamo di essere nella confusione!

Vediamo ora degli esempi di come gli uomini sono confusi dal Signore :

A Sodoma due uomini (ma erano due angeli) arrivarono da Lot provenienti da Abramo (Gn. 19:1-2), e Lot li accoglie con l'onore dovuto.

Ma i Sodomiti, nelle loro passioni perverse, volevano fuori quegli uomini per fare loro violenza. Ma Lot si oppose, non volle che si commettesse un simile crimine ai suoi ospiti. Allora offre loro in cambio le sue due figlie vergini. Anche questa è un’altra assurdità. Ma essi le rifiutano. Ecco, quando sentirete parlare dei sodomiti, ricordatevi questo episodio.

Gn.19 :9-11, dice : “Ecco, ho due figliuole che non hanno conosciuto uomo; deh, lasciate ch’io ve le meni fuori, e voi fate di loro quel che vi piacerà; soltanto non fate nulla a questi uomini, poiché son venuti all’ombra del mio tetto". Ma essi gli dissero: "Fatti in là!" E ancora: "Quest’individuo è venuto qua come straniero, e la vuol far da giudice! Ora faremo a te peggio che a quelli!" E, premendo Lot con violenza, s’avvicinarono per sfondare la porta”. Ma quegli uomini stesero la mano, trassero Lot in casa con loro, e chiusero la porta. E colpirono di cecità la gente ch’era alla porta della casa, dal più piccolo al più grande”.

Il Signore ha confuso i Sodomiti accecandoli sì che non poterono realizzare il loro crimine: confusi per accecamento.

2° A Madian, per rivelazione del Signore, Gedeone, di notte circonda il campo dei Madianiti con soli 300 uomini. (Erano in 32.000 ma il Signore ne scelse solo 300 armati di Brocche, fiaccole e trombe)... Con i soli rumori, i Madianiti furono "confusi", sì che ognuno rivolse la spada contro il suo fratello, mentre Israele stava fermo immobile nella notte! Giudici 7:20-22. “Allora le tre schiere suonarono le trombe, spezzaron le brocche; con la sinistra presero le fiaccole, e con la destra le trombe per sonare, e si misero a gridare: "La spada per l’Eterno e per Gedeone!" Ognun di loro rimase al suo posto, intorno al campo; e tutto il campo si diè a correre, a gridare, a fuggire. E mentre quelli sonavan le trecento trombe, l’Eterno fece volger la spada di ciascuno contro il compagno, per tutto il campo. E il campo fuggì...

La confusione e il disorientamento dei Madianiti furono tali che si uccisero a vicenda.

A Samaria i Siri avevano assediato la città; Israele moriva letteralmente di fame, al punto che due madri hanno cotto e mangiato uno dei loro bambini (C.6). É raccapricciante, qualcuno può pensare: perché Iddio non intervenne contro a codeste madri? Ebbene, non intervenne per lo stesso motivo di quando, ormai diverse, madri sciagurate dei giorni nostri, dopo aver partorito, hanno gettano il frutto del loro grembo, nei bidoni dell’immondizia! Il Signore non intervenne per dimostrarci quanto siamo malvagi e peccatori!

Torniamo a Samaria. Quando avvenne quel sacrilegio, il Signore li liberò. E, come fece? Dice 2Re7:6-7: “Il Signore avea fatto udire nel campo dei Siri un rumor di carri, un rumor di cavalli, un rumor di grande esercito, sì che i Siri avean detto fra di loro: "Ecco, il re d’Israele ha assoldato contro di noi i re degli Hittei e i re degli Egiziani, perché vengano ad assalirci". E s’eran levati, ed eran fuggiti sull’imbrunire, abbandonando le loro tende, i loro cavalli, i loro asini, e il campo così com’era; eran fuggiti per salvarsi la vita”.

Il Signore fece udire nel campo dei Siri un gran rumore di cavalli e di carri: un grande esercito in marcia , si che essi si spaventarono, pensando di essere assaliti da forze superiori... così "furono confusi" e fuggirono lasciando ogni ricchezza a disposizione d'Israele... rovinando loro stessi e liberando, nutrendo e arricchendo i loro nemici, cioè Israele.

Che cos'è dunque la confusione ? È l’ignoranza della Volontà di Dio !

E' paura, imbarazzo, sorpresa, umiliazione, equivoco; ma è anche fallimento e rovina; un non capire più nulla per lo sconvolgimento, perché tutto è stato smentito da avvenimenti diversi o contrari ai progetti!

Nella confusione dovuta all’ignoranza, si compiono delle assurdità, convinti di fare cosa giusta. Questo è vero specialmente della confusione religiosa che è tale da sfociare nell’idolatria, nell’adorare statuette che lacrimano elevate al culto di quelli che restano confusi ; ma anche sul piano generale dell'umanità rispetto al Signore. Nel negare la Sua Parola.

Quando l'uomo per le sue capacità intellettive, crede di poter soddisfare le esigenze e la volontà del Signore, compie sempre gravi errori.

Così, quando subentra il Signore, per raddrizzare le cose e per concretizzare i Suoi piani, allora, i piani e le convinzioni dell'uomo vengono frustrati, sconvolti, annientati. L'uomo cade in "confusione": si smarrisce, compie atti inconsulti, pensando di far cosa gradita a Dio.

Stabilito questo principio, cerchiamo ora di confrontare l’operato dell’uomo nella storia, rispetto ai piani di Dio, e potremo comprendere la confusione in cui versa il mondo, ai nostri giorni.

Consideriamo soltanto alcune cose della convivenza; le molte altre, vi ruotano poi attorno, nello stesso modo.

1. La salute e la malattia.

La storia della medicina è molto interessante, osservata nelle grandi tappe che ha fatto, vediamo che è passata : dagli antichi impiastri di fichi o di ortiche, alle miracolose medicine moderne. Non C'è che dire !..

L'uomo ha analizzato, indagato, frugato, osservato al microscopio, calcolato minuziosamente, fino ad entrare nella cellula: ha preso in mano il DNA, la spirale dei geni.., (qui ci sarebbe da dire molto ma sorvoliamo), ed è giunto a parlare, con non poca presunzione, di "ingegneria genetica".

Questo significa, in parole povere che l'uomo, nel suo sapere, è lì lì, per avere in mano la vita stessa, per farne ciò che vuole: abbellirla o abbruttirla, creare pezzi di ricambio. Egli è diventato un “dio” a pieni titoli !

Si può dire questo perché Dio è il creatore e il datore della vita; e se l'uomo potrà manipolare la vita indipendentemente e autonomamente dal Creatore, vuol dire che non c'è più un solo Dio... l'uomo è diventato un Suo concorrente!

Ma questi grandi luminari, inebriati dai loro successi, non riescono a vedere i loro fallimenti e soprattutto il fatto, che il Creatore li sta osservando e sta ridendo di loro, perché li umilierà. Il Signore retribuisce nel tempo.

Consideriamo alcune tappe: La medicina ha debellato la Lebbra. Poi, con la Penicillina e gli antibiotici, ha debellato la tubercolosi. Ma, a queste vittorie, hanno fatto seguito: la leucemia, il cancro, l’infarto ed ora la peste del 2000, l'AIDS e altre ne verranno.

Sintetizzando: l'uomo è cieco, non tiene conto che le malattie il Signore le permette perché l'uomo si ravveda del suo peccato e torni al suo Dio (Si legga Amos 4). Così, molti luminari increduli pensano di fare il "tiro alla fune" con Dio, e non vogliono credere che saranno perdenti!

Questo discorso non significa abbasso la medicina, e neppure che non sia giusto cercare la guarigione, ma che : prima è necessario cercare la causa vera, la radice del male, non quella biologica. Perciò, è vero che la medicina risolve molti problemi, ma non va alla radice; risolve un problema ne esplode un’altro 1000 volte più grave di quello che ha vinto ma l’uomo continua a restare morto dentro, morto nei falli e nei peccati. La guarigione degli uomini è a termine, quella di Dio è eterna.

Uno scienziato, intervistato per sapere se ci fossero delle speranze su un vaccino per la guarigione del cancro, ha risposto che il cancro non è una malattia, ma sono centinaia di malattie messe insieme: ogni singolo cancro è una malattia diversa.

Perciò, la grande scienza, se volesse riconoscerlo, dovrebbe essere gettata in una grande “confusione” dal Signore per mostrare loro i Suoi scopi, che vengono prima delle guarigioni: il ravvedimento e la fede.

Il mondo è cieco non capisce che i cavalli che corrono, sono rincorsi da quelli più veloci. Così l'uomo, che contende col Signore, sarà sempre un perdente Is. 30:15-16. “Poiché così avea detto il Signore, l’Eterno, il Santo d’Israele: Nel tornare a me e nel tenervi in riposo starà la vostra salvezza; nella calma e nella fiducia starà la vostra forza; ma voi non l’avete voluto! Avete detto: "No, noi galopperemo sui nostri cavalli!" E per questo galopperete!... E: "Cavalcheremo su veloci destrieri!" E per questo quelli che v’inseguiranno saranno veloci!...”.

2. Una parola sul nutrimento.

In origine il Signore, nella Sua misericordia ha dato all'uomo, gratuitamente la terra perché da essa ne traesse il nutrimento.

Ma, il peccato, (che rese l’uomo maligno ed egoista), attraverso le civiltà, ha fatto sì che pochi uomini s'impadronissero del diritto di mangiare tutto ciò che Dio aveva dato per tutti gli uomini. Così, oggi, molti muoiono di fame, ed altri muoiono perché mangiano troppo !

L'uomo ha inventato la macchina per lavorare; il denaro, il commercio; gli interessi, i diritti i privilegi esclusivi. Così, ciò che ne è scaturito è : fame, oppressione, guerre, tirannie, barbarie, ecc...

Chiediamoci: Era questo l’intento del Signore nel donarci la terra ? Queste iniquità, sono da Dio o dagli uomini ?

Al cibo: cereali, agrumi, frutta ecc., l’uomo ha attribuito un prezzo. Ma la terra, di cibo, ne da tanto da sfamare largamente, sovrabbondantemente le popolazioni del mondo intero. Ma il sistema economico che ha stabilito l’uomo è che tutto sia legato denaro ; tutto dev’essere assoggettato al valore che gli è stato attribuito in denaro. Questo per rispettare gli equilibri stabiliti nell'interscambio fra le nazioni.

Allora, cosa succede ? Che se la terra commette il peccato di dare molto frutto all'uomo, il valore in denaro, del frutto, diminuisce. I furbi, allora, cosa fanno: distruggono tonnellate e tonnellate di derrate alimentari, fino a che il costo in denaro sia sempre quello stabilito. Che vergogna!.. La gente muore di fame, mentre assiste alla distruzione del pane, senza avere il diritto di mangiarne.

Di questo scempio sono pochi quelli che ne hanno un interesse personale, ma tutti sono "confusi", dicono: non può essere, qualcosa non va. Ma non si può fare diversamente ormai.

Ecco la "confusione di faccia": Dio, è fedele, buono, misericordioso; il pane lo dà sempre, ma l'uomo è tanto egoista e malvagio, che lo distrugge piuttosto che sfamare chi muore. E la schiavitù al sistema è tale che anche se volesse cambiare metodo neppure lo può, perché effettivamente, a conti fatti, se non si facesse così, l'economia del mondo crollerebbe! La colpa è del modo artificioso con cui ha creato quel sistema, basato sui privilegi di pochi a discapito di molti.

3. C'è poi la pace nel mondo :

Il problema della pace, coinvolge tanti specifici aspetti della vita: la giustizia, le frontiere, il lavoro, la convivenza delle razze, la pace del cuore.

Anticamente, i re e gl'imperatori vivevano col solo scopo di fare guerre e conquiste. Però dopo la 2° guerra mondiale, le nazioni si sono accordate per smettere le guerre e adoperarsi per la pace. Ma come abbiamo visto per la medicina e l’economia, l'uomo ha la guerra nel cuore, delle guerre non può farne a meno. E quando non la fa sul campo di battaglia, la fa in un campo di calcio, o peggio col terrorismo, con l’economia, con lo spionaggio, la politica.

Le guerre. Qui c'è un’altra "confusione": sono più numerose le guerre che sono scoppiate dopo i trattati di pace di quelle scatenate prima.

I migliori uomini: politici, umanisti, educatori, religiosi, scienziati, tutti parlano del "rispetto della vita". Hanno elaborato la carta dei "diritti dell'uomo", che è stata sottoscritta da quasi tutte le nazioni.

Su questa ondata di volontà di un mondo migliore, non si è più condannato nessun peccato, tutto è diventato lecito; sono state aperte molte frontiere a quelli che vogliono venire o andare; i popoli e le razze si sono mescolate in un modo tale che ora, il tessuto dell'umanità, è un frullato di etnie. Si è creata l’unità nella diversità, ma vediamo che la diversità continua a rompere l’unità. Si è gridato con orgoglio e per una certa verità: siamo tutti uguali, ed abbiamo tutti gli stessi diritti! Certo, questo è vero, ma non abbiamo sconfitto la legge dei “diritti” del più forte, del più furbo, di quello che ha più soldi e non è stata fatta giustizia al povero e all’oppresso. Come sarebbe bello questo!.. Sta a vedere che il mondo potrebbe diventare un Eden di delizie senza il Signore!..

Sarà possibile tutto questo?

Spesso l'uomo presume di essere più saggio del Signore, anche il religioso; trasgredisce i comandamenti, pensando di prendere una scorciatoia e pensa di creare un paradiso senza il rispetto dei diritti di Dio. Ed alla fine si trova "confuso", ed è tanto cieco che neppure lo sa.

Cosa aveva detto il Signore riguardo alle nazioni e le razze, già fin dai tempi di Mosè Dt. 32:7-8 : “Ricordati de’ giorni antichi, considera gli anni delle età passate, interroga tuo padre, ed egli te lo farà conoscere, i tuoi vecchi, ed essi te lo diranno. Quando l’Altissimo diede alle nazioni la loro eredità, quando separò i figliuoli degli uomini, egli fissò i confini dei popoli, tenendo conto del numero de’ figliuoli d’Israele”.

È Dio che ha stabilito che vi fossero le nazioni e quindi le frontiere. Ma l’uomo vuole giungere a tutti i costi, ad un governo mondiale!.. Quel governo sarà presieduto da un uomo chiamato 666 l’anticristo !..

Anche Paolo, nell'Areopago di Atene disse At 17:26-27 : “Egli ha tratto da un solo tutte le nazioni degli uomini perché abitino su tutta la faccia della terra, avendo determinato le epoche loro assegnate, e i confini della loro abitazione, affinché cerchino Dio, se mai giungano a trovarlo, come a tastoni, benché Egli non sia lungi da ciascun di noi”.

Perché Iddio ha fatto le nazioni ? Perché ogni nazione ha una cultura, una storia, una lingua, delle usanze, un clima e un colore di pelle particolare... a queste cose, siamo legati, hanno un peso notevole, non si possono sottovalutare. Il miscuglio contribuisce molto a creare le guerre e il disordine.

Qual é, invece, la vera via della pace e della giustizia? Is. 32:17.Il frutto della giustizia sarà la pace, e l’effetto della giustizia, tranquillità e sicurezza per sempre”. Senza il Signore, questo è impossibile!..

Tutto il mondo è in una gran confusione !

Le cose orrende che accadono sono sotto i nostri occhi: Pensiamo ai massacri che si compiono continuamente nel mondo : da decenni, fra gl'Irlandesi e gl'Inglesi; il terrorismo politico e quello religioso; gli orrori cui abbiamo assistito nella ex Iugoslavia. Tre gruppi etnici (il miscuglio), che si massacrano reciprocamente. Dei carnefici e le vittime, ognuno è stato l'una e l'altra cosa; gli orrori del medio Oriente: Israele, Palestina, Libano, Iran, Irac. Sono tanti.

Il mondo inorridisce, nel vedere e sentire le cose, però nello stesso tempo, ognuno è capace di tutto ciò di cui è inorridito!

Tutto questo grida : “Signore Tu hai ragione... siamo dei peccatori incalliti”! “A Te la gloria.. a noi la confusione di faccia” !

A chi si chiede: perché il Signore continua a permettere tutto questo? Perché non viene? Rispondo con tre osservazioni :

Il Signore ha fatto partire Israele dall'Egitto dopo 430 anni, perché l'iniquità degli Amorrei, (gli abitanti della Terra Promessa), non era ancora giunta al suo culmine (Gn15:16). Così è per noi oggi: l'iniquità del mondo, per grande che sia, non ha ancora raggiunto il suo culmine!

La nostra cultura non riconosce il peccato , quindi, il Signore lascia che diventi un’inondazione. La crescente difficoltà, a tutti i livelli, a vivere in questo mondo, indica quanto l'uomo sia lontano da Dio! Quindi malvagio e corrotto. Ciò dovrebbe dimostrare in modo schiacciante che l'uomo non può assolutamente sperare in un domani migliore, ma deve aspettare solo il momento in cui dirà : "non c'è più rimedio". Dice 2Cro 36:15-16:“E l’Eterno, l’Iddio de’ loro padri, mandò loro a più riprese degli ammonimenti, per mezzo dei suoi messaggeri, poiché voleva risparmiare il suo popolo e la sua propria dimora: ma quelli si beffarono de’ messaggeri di Dio, sprezzarono le sue parole e schernirono i suoi profeti, finché l’ira dell’Eterno contro il suo popolo arrivò al punto che non ci fu più rimedio”.

Il Signore ha detto che i Suoi giudizi si scateneranno su questa umanità, "alla fine", perciò, questi orrori sono solo i motivi del giudizio che sta per arrivare!

Quindi, questo stato di "confusione" e tutti questi orrori, indicano : sia quanto sia reale e immenso il peccato, sia che i giudizi che incombono su questo mondo, stanno delineandosi. Il profeta Isaia dice che : come il Signore confuse i sodomiti, i Madianiti ed i Siri, così il Signore confonderà tutta l'umanità che non avrà ascoltato ed accettato il Salvatore. Sì che diventa comprensibile Fil 3:18-19 "la fine dei quali è la perdizione, il cui dio è il ventre, e la cui gloria è in quel che torna a loro vergogna; gente che ha l’animo alle cose della terra. Quanto a noi, la nostra cittadinanza è ne’ cieli, d’onde anche aspettiamo come Salvatore il Signor Gesù Cristo, La cui gloria è ciò che torna a loro vergogna "!

E Isaia 24 :17,20 aggiunge ancora : Spavento, fossa, laccio ti sovrastano, o abitante della terra! E avverrà che chi fuggirà dinanzi alle grida di spavento cadrà nella fossa; e chi risalirà dalla fossa resterà preso nel laccio. Poiché si apriranno dall’alto le cateratte, e le fondamenta della terra tremeranno. La terra si schianterà tutta, la terra si screpolerà interamente, la terrà tremerà, traballerà. La terra barcollerà come un ebbro, vacillerà come una capanna. Il suo peccato grava su lei; essa cade, e non si rialzerà mai più”.

Ma noi che crediamo, abbiamo una parola di conforto :"Quando vedrete avvenire queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino" Lc.21:31. Quel regno ci appartiene fratelli e sorelle... Coraggio... Resistiamo !